fbpx

Mi chiamo Jaycee Chiu, vengo da Hong Kong e l’anno scorso sono andato a Kiev, in Ucraina.

Jaycee, che cosa hai fatto lì?
Il progetto a cui ho partecipato mirava a mostrare la vita reale in Ucraina, così come la loro particolare cultura lavorando per l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile N°11 delle Nazioni Unite, chiamato “Città e comunità sostenibili”. L’obiettivo principale era quello di creare un ritratto accurato dell’Ucraina come uno Stato pacifico e rilevante all’esterno, che valorizzi la comunità. Alla fine del progetto, gli stagisti provenienti da diversi paesi insieme ai volontari locali avrebbero dovuto offrire una performance che rappresentasse al meglio la loro visione per l’Ucraina.

L’aspetto più stimolante della nostra attività è stata la possibilità di migliorare la nostra visione globale facendo parte di un team internazionale e collaborando con persone provenienti da diversi paesi, come Egitto, Georgia o Turchia. Da quando ho incontrato per la prima volta gli altri partecipanti al progetto, fino alla mia partenza per il ritorno a casa, i nostri argomenti sui quali confrontarsi e parlare non sono mai finiti. Dal momento che i nostri bagagli culturali erano così diversi, tutto ciò che abbiamo ascoltato avrebbe portato ad un punto interessante e avrebbe rinfrescato la nostra mentalità.

La sfida di uscire dalla tua comfort zone
Vivere in un posto che era così lontano dalla mia comfort zone non era facile. Spesso, quando non riuscivo a trovare immediatamente soluzioni ai miei problemi, mi sentivo insicuro ed esitante.
La più grande difficoltà che ho dovuto affrontare è stata la barriera linguistica. La lingua ufficiale nell’Europa dell’Est ovviamente non è l’inglese, quindi non potevo comunicare in modo naturale con la gente del posto, anche sulle cose più elementari, come i mezzi di trasporto. Per questo motivo, ho potuto fare affidamento sull’aiuto del mio team leader, che avrebbe tradotto per me.
Tuttavia, mi sono reso conto che non potevo sempre fare affidamento su qualcun altro. Per poter girare, ho provato a cercare online tutte le stazioni della metropolitana e gli autobus e a memorizzare la pronuncia di tutti i nomi delle stazioni.
All’inizio, ero timido nel chiedere alla gente dove mi trovavo, ma dopo un po’ sono arrivato al punto in cui avrei potuto usare alcune frasi semplici e ricordare i nomi delle destinazioni.

Wow, sono io!
Attraverso le attività che ho dovuto completare, ho scoperto molti aspetti nascosti della mia personalità. Uno dei migliori esempi è stata la preparazione dell’evento chiamato “Global Village”. Di solito ho paura delle esibizioni in pubblico e cerco di evitarle ogni volta che posso.

A causa dell’insufficiente numero di rappresentanti di Hong Kong, ho dovuto assumermi la responsabilità di esibirmi. Ci sono volute molte danze serali e corsi di formazione dal mio amico cinese, che era un freestyler professionista, ma ho gradualmente imparato a coordinarmi meglio e adattarmi al ritmo della musica.
Mi sono reso conto che avevo paura solo perché non conoscevo quelle situazioni particolari. Ho scoperto che posso facilmente imparare cose nuove. Infine, dopo essermi esibito di fronte agli altri, sono diventato più coraggioso e mi sento pronto ad affrontare le persone. Credo che adesso farò sempre meglio.

L’Ucraina è…
La differenza culturale tra Hong Kong e il Paese dove stavo svolgendo l’esperienza era enorme, specialmente quando si trattava di persone. Pensando a casa mia, tutto riguardava efficienza e produttività. Persone e veicoli si muovevano velocemente. Abbiamo dovuto rispettare diversi tipi di scadenze. Lo stress era una costante nelle nostre vite e bisognava scegliere costantemente il lavoro rispetto alla famiglia.
In Ucraina, ho visto solo persone che si godevano la vita. Sapevano quando era ora di riposare. Non importa quanto durerebbe la vita, hanno comunque preso tempo solo per la famiglia e gli amici. Li vedevi sdraiati sull’erba, chiacchierando di gioia. Più che il profitto, hanno apprezzato stare insieme.

Far accadere le cose

Alla fine, posso dire che ho raggiunto il mio obiettivo.
A causa dell’instabilità causata dalla guerra tra Russia e Ucraina, la gente vedrebbe automaticamente l’Ucraina con una luce molto negativa.
Io, d’altra parte, ho fatto del mio meglio per dire al mondo quanto ho amato e apprezzato la mia vita in Ucraina, scrivendo diversi articoli sulla mia esperienza e pubblicandoli sui social media.
Non è facile superare gli stereotipi, ma ci sono riuscito. Alla fine del progetto, abbiamo presentato la nostra visione dei Paesi coinvolti nel progetto ad Hong Kong organizzando il “Carnevale globale”. Ho condiviso le mie storie con il pubblico e ho sparso la voce sul fatto che l’Ucraina è davvero un posto incredibile.

Menu
Top