fbpx

Avete mai riflettuto su chi siano i leader contemporanei? Coloro che sono riusciti con le loro qualità a portare una piccola o grande differenza nel mondo?

In proposito mi viene da pensare a Mark Zuckerberg: come ha fatto uno studente ad inventare il più grande mezzo di socializzazione che rompe letteralmente ogni barriera geografica?

Nelle biografie di Mark, e come appare anche nel film “The Social Network”, Mark viene descritto come uno studente riservato, a tratti impacciato nei confronti del sesso opposto. Sin dai primi anni affascinato dalla scrittura di software, con una particolare predisposizione per strumenti di comunicazione e giochi.

Quello che vorrei capire insieme a voi è: quali sono state le caratteristiche che l’hanno reso un leader contemporaneo?

Dalle diverse piccole invenzioni fino ad arrivare a Facebook si nota la predisposizione di Mark verso tutto ciò che sia sociale e comunicativo. La sua passione è sempre stata quella di rendere il mondo più aperto e accessibile. La passione va accompagnata al duro lavoro, indubbiamente, ma è lei che ti spinge a non mollare.

Trova quella cosa per la quale sei super appassionato. Molti dei principi fondanti di Facebook sono che se le persone hanno accesso a più informazioni e sono più connesse, potranno rendere il mondo migliore; la gente avrà più comprensione, più empatia. Questo è il principio guida per me”.
[M. Zuckerberg]

Guardando alla mission statement (“manifesto della missione”) di Facebook afferma che: “La missione di Facebook è dare alle persone la potenza di condividere e rendere il mondo più aperto e connesso”.

È questo lo scopo di Zuckerberg. I grandi leader creano movimenti, non solo prodotti. Facebook non è solo un sito di social network, è un modo per rimanere in contatto con persone in tutto il mondo, una comunità e uno strumento per condividere informazioni. Tenendo sempre in mente il suo scopo, Zuckerberg è riuscito a concentrarsi sulla creazione del miglior prodotto per raggiungere questo obiettivo.

Il team di persone di cui si è circondato per costruire la sua azienda, è composto da un gruppo di persone a cui è concesso sviluppare i propri interessi e di assumersene i rischi. L’intervista fatta ai dipendenti è basata per selezionare persone che hanno una giusta misura per la cultura dell’azienda. Una volta entrati, prendono parte ad una formazione intensiva che insegna loro l’ “Hacker Way”.

L’ Hacker Way è un approccio alla costruzione che coinvolge un miglioramento continuo e l’iterazione. Gli hacker ritengono che qualcosa possa sempre essere migliore e che niente è mai completo … C’è un mantra hacker che ti senti molto sugli uffici di Facebook: Il codice vince gli argomenti”.
[M. Zuckerberg]

A loro è concesso di lavorare sui progetti a cui sono più interessati, per assicurare una migliore produttività.
Compagnie come Facebook, Apple e Zappos hanno creato una cultura che motiva e incoraggia la convinzione, la libertà di parola, e d’azione. Ciò deriva da una forte leadership che dà l’esempio.

La convinzione completa di Zuckerberg nel suo prodotto gli ha dato la forza di perseverare con alcuni cambiamenti, o meglio innovazioni, anche impopolari, sottoposti ad opposizioni anche all’interno della propria azienda.

Quando fu introdotta la “Sezione Notizie” all’interno di Facebook inizialmente l’idea non piaceva, nemmeno agli utenti, perlopiù per ragioni di privacy. Tuttavia la funzionalità alimentava un’espansione e differenziava Facebook dagli altri social. L’espansione in una piattaforma ha spinto l’azienda a crescere.

Il successo è uno sport di squadra. I grandi leader riconoscono le proprie debolezze tanto quanto i loro punti di forza e portano le persone giuste a formare un team che guida verso il successo. Su Facebook, Zuckerberg fornisce l’immaginazione, mentre Sheryl Sandberg, funzionario principale di Facebook, fornisce l’esecuzione attorno alla sua visione.

“Sheryl è stato il mio partner nella gestione di Facebook ed è stato fondamentale per la nostra crescita e il nostro successo negli anni”.
[M. Zuckerberg]

Un’altra frase che mi ha dato molto da pensare fra le sue citazioni è stata: “ Se vuoi costruire qualcosa, dovresti focalizzarti sui cambiamenti che vorresti portare nel mondo. Io vedo troppi imprenditori che decidono di voler avviare un’azienda prima ancora di sapere cosa vogliono costruire. Per me è necessario sapere prima qual è l’impatto che si vuole avere e cosa si vuole fare”.

E tu che impatto vorresti dare? Potresti scoprirlo su aiesec.it

Menu
Top