fbpx

Università, amici, famiglia, lavoro, futuro. Tanti, troppi i campi in cui ogni giorno siamo obbligati a compiere delle scelte.

Quasi due anni fa ho scelto di entrare in AIESEC. Quasi per caso, per curiosità e voglia di scoprire il nuovo ambiente universitario in cui mi sentivo un po’ dispersa. Ad oggi posso dire che è stata una delle scelte migliori che abbia mai fatto.

Non solo ho avuto modo di conoscere persone con cui condividere gli stessi valori e obiettivi, ma ho scoperto un sacco di passioni e mi sono messa alla prova più di quanto credessi. Penso che AIESEC abbia giocato e giochi tuttora un ruolo fondamentale nel modo in cui tendo ad approcciarmi alle scelte di ogni giorno.

Vi faccio un esempio molto semplice: in The 7 Habits of Highly Effective PeopleStephen R. Covey elenca in maniera efficace quali siano le principali caratteristiche di chi raggiunge i propri obiettivi con successo. Credo che AIESEC mi abbia portata a compiere non necessariamente sempre la scelta migliore, ma sicuramente quella più consapevole e vicina ai miei valori e obiettivi personali.

aiesec italia esperienze estero.jpeg

Ecco, dunque, le 7 abitudini che ho imparato a mettere in pratica nelle decisioni di ogni giorno grazie ad AIESEC:

1. Be Proactive

“Prima o poi qualcuno lo farà”. Non lo nego, l’ho pensato un sacco di volte, in ogni tipo di contesto. Una volta entrata in AIESEC, però, la parola proattività ha caratterizzato la maggior parte delle mie scelte. Ora mi prendo più responsabilità nelle mie decisioni, piuttosto che adattarmi a una situazione o attendere che qualcun altro scelga per me.

2. Begin with the End in Mind

Da quando sono in AIESEC mi chiedo molto spesso “perché”: me lo chiedo per tenere sempre a mente qual sia il mio obiettivo, quale il motivo per cui scelgo di fare ciò che faccio e per capire quanto mi stia mettendo alla prova.

3. Put First Things First

Spesso ci ritroviamo sommersi dalle scadenze, non sapendo da dove iniziare per fare un po’ di ordine. In momenti in cui tutto sembra una priorità, capire come differenziare le cose “urgenti” da quelle “importanti” mi dà modo di identificare quelle che sono le mie reali priorità e saper dare loro precedenza.

4. Think Win-Win

Lavorare in team è un aspetto che sicuramente davo per scontato prima di entrare in AIESEC. Non avrei mai pensato che trovare dei compromessi nella realizzazione di un progetto rappresentasse per me un ostacolo così grande. Ho appreso che, però, non sempre è necessario dover rinunciare a un’idea, basta trovare soluzioni che, a lungo termine, giovino a entrambe le parti, ragionando in termini di collaborazione piuttosto che di compromesso.

5. Seek First to Understand, then to be Understood

Quante volte ci ritroviamo a interrompere le opinioni di altri con parole come “certo, esatto” oppure “in realtà penso che…”? Ascoltare con l’obiettivo di ascoltare è un’arte davvero difficile, ma mi aiuta a comprendere fino in fondo l’opinione della persona che ho di fronte, ricordandomi di non pensare costantemente a quale risposta dare, bensì cercare di trarre il massimo da ciò che sento.

6. Synergize

Da fiera testarda, ho sempre preferito cavarmela da sola piuttosto che affidarmi all’aiuto di qualcun altro. Nulla di più sbagliato! Lavorando in un team, imparare a mettere assieme gli sforzi di più menti porta sempre a raggiungere un risultato migliore.

7. Sharpen the Saw

«Se avessi a disposizione otto ore per abbattere un albero, ne passerei sei ad affilare l’ascia». Ho imparato che pianificare è il passo più importante per raggiungere un obiettivo: buttarsi a capofitto pensando di raggiungere più velocemente il risultato sperato raramente porta a un buon esito.

Io la mia scelta l’ho fatta, e tu? Scopri di cosa sei capace su aiesec.it/entra-in-aiesec/

Menu
Top