fbpx

Hai mai sentito la frase “Sii il cambiamento che vuoi vedere in questo mondo”? Questo è
quel qualcosa che mi ha guidato per anni nella mia vita e nelle mie azioni, fin dal primo giorno che l’ho sentito. Se vuoi vedere qualcosa di diverso in questo mondo, qualcosa di meglio, nessuno è migliore di te per questo compito! Il primo passo per risolvere un problema è identificarlo, e se sei tu quello che agisce, hai la responsabilità di migliorarlo. Ma puoi veramente fare la differenza in questo mondo?

I volontari sono persone che dedicano tempo ed energia per migliorare il mondo, anche nelle piccole cose. Dal servizio di pulizia dei parchi dai rifiuti alla costruzione di case per le persone bisognose, i volontari passano il loro tempo aiutandoli. Con queste concrete azioni, mostrano al mondo che nessun compito, piccolo o grande, è insignificante. Questo cambia la prospettiva quando si parla di tante cose. Puoi dire, OKAY! Ma ancora… È solo un volontario. Può fare una grande differenza in questo mondo? Come la goccia che cade nel lago e scuote la sua immobilità, questo è il volontario, il creatore del cambiamento.


È solo una goccia per scuotere il lago. La scorsa estate Sara è andata in Marocco per lavorare ad un progetto di Women Empowerment. Lì, ha collaborato con altri due volontari provenienti dal Brasile e dal Kenya. L’organizzazione no-profit aveva tre donne e due uomini della comunità locale come collaboratori. Circa 20 donne hanno interagito l’una con l’altra attraverso sessioni e progetti più piccoli.

Quell’estate, circa 25 volontari erano venuti da tutto il mondo nel loro comitato locale AIESEC per partecipare ai progetti, viaggiare in Marocco, scoprire le tradizioni culinarie del paese, festeggiare, parlare, scambiare idee e condividere opinioni su vari argomenti. Sara è rimasta stupita da questa esperienza. Ogni giorno andava a lavorare, si sentiva innamorata del lavoro e, attraverso questo, scoprì che amava così tanto i diritti delle donne che pensava di dedicare il suo futuro lavoro ad essi.

Ma Sara proveniva da un paese in cui la libertà di parola era un dato di fatto, dove i bambini che bevevano alcolici erano una cosa comune, in cui la gente non si uccideva a vicenda dove per la politica era normale, dove le donne non venivano uccise perché i loro mariti morivano. Ascoltare tutte le storie e le vite di tutti i giorni delle sue nuove amiche ha fatto sì che lei si chiedesse quanto ne sapesse di questo mondo, quanto fosse bello e perché nessuno a casa sapeva qualcosa di tutte queste culture. Possedere questa consapevolezza le faceva sentire un peso dentro, come se tutte le informazioni non dovessero essere lasciate lì, ma dovevano essere condivise, per essere utilizzate.

Doveva fare qualcosa in merito. Così tornò a casa e iniziò a condividere, iniziò a parlare con i suoi amici e la sua famiglia, fece delle presentazioni a scuola. Ma non era ancora abbastanza. Ha fatto parte di AIESEC come membro per mandare più persone all’estero ad imparare. È entrata in un blog per raccontare le storie dei suoi amici. E continuava all’infinito.

Ma perché ti sto dicendo tutto questo?
Sara era una persona. Una ragazza desiderosa di viaggiare. Ha incontrato altri 24 volontari, 20 donne bisognose e 5 persone dell’organizzazione no-profit. Ha avuto l’opportunità di avere un impatto con il suo lavoro, con la sua storia e con le idee di 49 persone. Di sicuro, queste 49 persone hanno parlato con almeno altre due persone ciascuna. Questo significa che altre 98 persone, più le 49 di prima, fanno 147 persone.
147 persone provenienti da diversi paesi hanno avuto un impatto a causa di un volontario e un messaggio è stato diffuso in più di un Paese.

Come si può considerare questo non fare la differenza in questo mondo?
Nella società di oggi, dove la globalizzazione è dietro l’angolo e viviamo in un mondo interconnesso, una piccola azione, un semplice sforzo o una situazione possono avere un enorme impatto in tutto il mondo in pochissime ore. Se le riserve di una multinazionale finiscono e bisogna chiudere uffici e strutture in alcuni Paesi, ciò significa immediatamente che le persone in tutto il mondo perdono il lavoro. Persone che hanno bisogno di sostenere le famiglie. Una semplice azione ha causato enormi cambiamenti. Perché non fare questo cambiamento, questa buona azione?

Sono greco e anche spagnolo. Io sono europeo. Ma soprattutto sono un cittadino del mondo! E come cittadino di questo mondo posso fare la differenza in esso. Posso scegliere di influenzarlo positivamente. Fare qualcosa per le cose che non mi piacciono e cambiarle.

Vasilis Daios Galan

Tutto ciò che serve è una scelta per migliorare il mondo e la determinazione di attraversarlo. Vai su aiesec.it e fai la differenza per te.

Menu
Top